Isola Bella

Isola Bella

Isola Bella

Isola Bella 

 

Isola Bella

Visita Palazzo e Giardini Borromeo
Tel. 0323.30556 - Fax 0323.30046

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - www.borromeoturismo.it

La più celebre tra le isole Borromee, situata nel golfo Borromeo a circa 400 metri al largo di Stresa, è l'isola Bella, così chiamata in onore di Isabella D'Adda, moglie di Carlo III Borromeo. Questi infatti iniziò la trasformazione dell'isola inferiore, nome con cui era conosciuta fino al 1632, da uno scoglio roccioso abitato da un piccolo villaggio di pescatori, in un meraviglioso giardino all'italiana che ospita sulla costa nord-occidentale un palazzo in stile barocco a dir poco fiabesco. Progettista della villa e dell'impianto di base dei giardini è il milanese Angelo Crivelli, ma l'edificio fu portato a compimento dall'architetto romano Carlo Fontana.


Verso la metà del XVII secolo, infatti i lavori dovettero essere interrotti a causa dell'epidemia di peste che travolse il ducato di Milano e ricominciarono solo quando l'isola passò ai figli di Carlo, il Cardinale Gilberto III (1615-1672) che si occupò di finanziare i lavori e Vitaliano VI (1620-1690), che fece diventare la villa un polo di attrazione per la vita mondana della nobiltà europea. Per poter ammirare i giardini nella loro completezza, tuttavia bisognerà aspettare fino al 1671 data dell'inaugurazione voluta da Carlo IV (1657-1734).
Il periodo di maggior splendore dell'isola si ebbe con Gilberto V Borromeo (1751-1837), quando tra i frequentatori abituali si ebbero personaggi come Napoleone e la moglie Josephine de Beauharnais e la principessa del Galles Carolina Amalia di Brunswick.


Oggi i giardini e una parte del palazzo sono stati aperti al pubblico e possono essere visitati. All'interno dell'edificio, attraversando le numerose sale che lo compongono, è possibile ammirare arredi originali, sculture, quadri e affreschi di enorme valore, arazzi fiamminghi e armi d'epoca, mentre nei sotterranei si trovano altre sei sale costruite ad imitazione delle grotte naturali.
Lo stesso Dickens, visitando quest'isola, la definì "fantastica e bizzarra".

 

Foto Gallery Isola Bella